Film e Documentari

Multimedia

I.R.C.R.I. suggerisce la visione dei seguenti film:

Inside Job di Charles Ferguson - You Tube

Inside Job è un film del 2010 prodotto, scritto e diretto da Charles Ferguson, che indaga le cause della crisi economica del 2008-2010, vincitore dell’Oscar al miglior documentario nel 2011. L’autore ha spiegato che il film mette a nudo “la corruzione sistemica negli Stati Uniti attuata dall’industria dei servizi finanziari e le conseguenze di questa corruzione sistemica.

Lo scandalo della Banca Romana di Stefano Reali-Rai.it

-1° puntataLo scandalo della Banca Romana esplose nel nostro Paese nel 1893. Un evento che ebbe come conseguenza una vera e propria catastrofe politica e finanziaria e che comportò, anche da parte dell’opinione pubblica internazionale, una critica alla morale e ai costumi della classe dirigente di quel periodo.

-2° puntataIl protagonista comincia, con i favori dell’editore stesso, a far parte di quel mondo dorato al quale aveva sempre voluto appartenere. In questo ambiente, però, l’uomo intercetta anche una sotterranea rete di corruzione che coinvolge politici, imprenditori, l’intera Banca Romana e perfino il giornale per il quale lavora. Anche lui resterà intrappolato in questo intreccio di malaffare, ma in qualità di burattino, manovrato da piani alti del Potere. Resosi conto di aver venduto l’anima, davanti all’ultima scelta, quella definitiva…

Fortapàsc diretto da Marco Risi-Rai.it

Giancarlo Siani era un giovane giornalista pubblicista napoletano che ogni mattina si recava dal Vomero a Torre Annunziata per lavorare, per sapere e diffondere. Nel 1985 fu ucciso sotto casa sua; aveva compiuto da pochi giorni 26 anni. Era un normale ragazzo, se determinazione e coraggio possono appartenere alla sfera della normalità, ed il film di Marco Risi è questo che ci mostra: la possibilità (l’impossibilità?) di uscire allo scoperto, di parlare, di scavare con la speranza di migliorare ciò che ci gira intorno. E il ritratto che ne esce si tiene infatti ben lontano da un’ovvia beatificazione del personaggio. “Fortapàsc” è un film alla Francesco Rosi, con un tragitto retto che parte da una materia narrativa, facendo quando possibile sempre un discorso di inchiesta, di cronaca. Giancarlo Siani era un cronista. Ma essere cronisti può voler significare anche essere giornalisti-giornalisti, piuttosto che giornalisti impiegati? Parla chiaro una sequenza del film, ed è un tema caro a Marco Risi (vedi “Il muro di gomma”): le istituzioni fin dove permettono di spingersi ad un giornalista-giornalista? In ogni caso, parliamo di soggetti che non possono permettersi di intrattenere rapporti d’amicizia con i politici.

Discorso di Steve Jobs ai neolaureati di Stanford-You Tube

Questo è il testo del celeberrimo discorso di Steve Jobs all’università di Stanford, l’università che fu costretto a lasciare perché non aveva soldi a sufficienza per permettersi i corsi che frequentava. Sono parole che danno prova della sua straordinaria determinazione.

Alcune citazioni:

Vi ripeto, non potete sperare di unire i puntini guardando avanti,  potete farlo solo guardandovi alle spalle: dovete quindi avere fiducia che, nel futuro, i puntini che ora vi paiono senza senso possano in qualche modo unirsi nel futuro. Dovete credere in qualcosa: il vostro ombelico, il vostro karma, la vostra vita, il vostro destino, chiamatelo come volete… questo approccio non mi ha mai lasciato a terra, e ha fatto la differenza nella mia vita.” -“Ogni tanto la vita vi colpisce sulla testa con un mattone. Non perdete la fede però. Sono convinto che l’unica cosa che mi ha aiutato ad andare avanti sia stato l’amore per ciò che facevo. DOVETE TROVARE QUEL CHE AMATE. E questo vale sia per il vostro lavoro che per i vostri affetti. Il vostro lavoro riempirà una buona parte della vostra vita, e l’unico modo per esserne realmente soddisfatti è fare quello che riterrete un buon lavoro. E l’unico modo per fare un gran bel lavoro è amare quello che fate. Se non avete ancora trovato ciò che fa per voi, continuate a cercare, non fermatevi, come capita per le faccende di cuore, saprete di averlo trovato non appena ce l’avrete davanti. E, come le grandi storie d’amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continuate a cercare finché non lo trovate. Non accontentatevi.”- “Ricordare che sarei morto presto è stato lo strumento più utile che abbia mai trovato per aiutarmi nel fare le scelte importanti nella vita. Perché quasi tutto – tutte le aspettative esteriori, l’orgoglio, la paura e l’imbarazzo per il fallimento – sono cose che scivolano via di fronte alla morte, lasciando solamente ciò che è davvero importante. Ricordarvi che state per morire è il miglior modo per evitare la trappola rappresentata dalla convinzione che abbiate qualcosa da perdere. Siete già nudi. Non c’è ragione perché non seguiate il vostro cuore.”-“Siate affamati. Siate folli”.

La demeritocrazia e la raccomandazione Di Piero Angela-You Tube


# #